Stampa

Chiesa di S. Giovanni Battista

Questa chiesa si fa risalire al sec. XII, rimaneggiata più volte nel corso dei secoli.

Esterno

doveva essere la più importante dell' antico borgo medievale posta com'era nell'antico centro commerciale e artigianale del paese con le rinomate fulloniche dell'arte della lana.

L'origine romanica della costruzione è evidente nell' arco pensile sul vano d'ingresso, nella cui lunetta era un antico affresco.

Il campanile è costituito da tre piani, due a pianta quadrata con finestre bifore, il terzo, a pianta ottagonale, con monofore e sormontato da una cupoletta a sesto ribassato su tamburo. Ha rivestimenti in pietre e tarsie.

Interno

Non conserva elementi di pari interesse di quelli riscontrati all'esterno a causa di successivi rifacimenti. La copertura a volta mostra i caratteristici pennacchi a ventaglio delle chiese di Pontone.

A ricordo dello splendore trecentesco del paese si trova una consunta lastra tombale di Filippo Spina in abito cavalleresco con cagnolino ai piedi con iscrizione del 1346.

Nei primi dell'anno 1700 fu decorata da Giovanni Antonio Cristiano con affreschi andati, purtroppo, distrutti. L'altare ha un bel dorsale in legno dorato e policromo con piccole tele della vita di S. Giovanni e una maestosa statua in legno. Inoltre numerosi quadri di varie epoche (dal '500 in poi) si ammirano in questa chiesa.

Chiesa di S. Filippo Neri

Questa chiesetta, pur avendo subito nel tempo varie manomissioni e parziali crolli, conserva tuttora elementi tali che la fanno riconoscere struttura di fabbrica medioevale (sec. X). La copertura è a volte estradossate tipiche della zona. Aveva un atrio a tre crociere, oggi parzialmente crollate, secondo una situazione urbanistica ricorrente nella zona che consentiva non soltanto un luogo di sosta ma offriva pareti alla decorazione ad affresco.

Esterno

il campanile ha forma quadrata in pietra viva, coperto con una volta a crociera estradossata che realizza un profilo plasticamente sinuoso al sommo della struttura, alleggerita da quattro lunghe aperture arcuate in corrispondenza della cella campanaria. Al di sotto della cella si notano altre monofore tompagnate.

Interno

pianta prossima al quadrato a tre navate separate da tre archi su colonne di spoglio con capitelli classici con volte a botte lunettate. La chiesa ha tuttora tre absidi visibili.